Chi ha inventato il balletto

Chi ha inventato il balletto

Si ritiene che le origini del balletto risalgano al periodo rinascimentale italiano, intorno al 1500. I termini "balletto" e "palla" derivano dalla parola italiana per "ballare" ballare. Quando Caterina de 'Medici italiana sposò il re di Francia, re Enrico II, introdusse i francesi nel mondo del balletto, che alla fine portò la sua raffinatezza in uno stile formale di danza.

Origini del balletto

Non sembra esserci un individuo che ha inventato il balletto, ma a King Louis XIV è stato attribuito il merito di aver espanso la sua popolarità e di averlo aiutato ad evolversi nella danza conosciuta oggi. C'erano anche altre persone che hanno contribuito con vari elementi che hanno giocato un ruolo importante nella formazione del balletto.

I primi giorni di balletto

Il primo vero "balletto" potrebbe essere stato Le Ballet Comique de la Reine, o Il Comic Ballet of the Queen, che fu eseguito per la prima volta per la corte di Caterina de 'Medici il 15 ottobre 1581. Questo evento fu celebrato per commemorare un matrimonio, durò cinque ore, e anche il Re e la Regina parteciparono alla danza.

Poiché questo era l'intrattenimento per la corte, i lavori venivano eseguiti principalmente da cortigiani, e solo alcuni ballerini professionisti erano solitamente espressi, di solito in ruoli più comici o grotteschi.

All'inizio questi ballerini indossavano maschere, copricapo e costumi pesanti con strati di tessuto di broccato. I costumi restrittivi significavano che i movimenti di danza erano limitati a piccoli luppoli, diapositive, inchini e dolci svolte. Le scarpe avevano tacchi piccoli e erano più strettamente allineate alle scarpe da cerimonia formali rispetto alle scarpe da balletto contemporanee usate oggi.

L'influenza di Luigi XIV

Luigi XIII e suo figlio, Luigi XIV, si esibivano spesso in questi balletti. Luigi XIV è stato soprannominato il Re Sole dopo il suo ruolo in Le Ballet de la Nuit (1653), che iniziò al tramonto e corse fino all'alba. Il suo maestro di balletto personale, Pierre Beauchamp, ha coreografato molte delle danze eseguite a Versailles.

Re Luigi XIV si rese conto che per diffondere questa forma d'arte, avrebbe dovuto essere scritta in qualche modo. Louis chiese a Beauchamp di registrarlo per iscritto, e in quanto tale, è accreditato come codificante per i mattoni del balletto. Questo è il momento in cui sono state stabilite le cinque posizioni fondamentali del piede che sono il nucleo del balletto.

Luigi XIV creò l'Académie Royale de Musique il 28 giugno 1669 e il vocabolario usato lì è ancora in vigore oggi.

Espansione del balletto e introduzione di ballerini femminili

Jean-George Noverre è stato chiamato "Il nonno del balletto" grazie alla sua influenza nel creare l'aspetto della storia del balletto. Ha educato i suoi studenti sull'importanza della mimica e dell'espressione facciale come strumento di narrazione. Noverre pubblicò un libro nel 1760 che introdusse regole e principi del balletto come il pas d'action, il passo dell'azione, la pantomima e altro ancora. La sua influenza si estese ai costumi e dimostrò che musicista, coreografo e designer dovevano lavorare in tandem per creare un balletto bellissimo. Fino al 1681, alle donne non era permesso esibirsi nel balletto. Gli uomini si vestivano da femmine per assumere ruoli femminili fino a quando Marie Camargo divenne la prima donna a ballare in un balletto. Non era una fan dei costumi pesanti e restrittivi, quindi abbreviava le gonne, permettendole di eseguire i salti che davano vita a quei salti caratteristici eseguiti nei balletti moderni.

L'era romantica e l'introduzione del balletto in Russia

Negli anni Quaranta dell'Ottocento, Marius Petipa lasciò la Francia per la Russia per produrre balletti, e fu in Russia che coreografi come Petipa e Pyotr Tchaikovsky svilupparono alcune delle danze più popolari al mondo che vengono ancora eseguite oggi. Questi includono Lo Schiaccianoci, Il lago dei cigni, e La bella addormentataL'importanza delle donne nella danza continuava ad avanzare, specialmente quando le donne mostravano la capacità di ballare sulla punta dei piedi. Marie Taglioni ha fatto ballare en pointe popolare nel 1830 con il suo ruolo in un balletto chiamato La Sylphide. Fu anche in questo periodo che tutus divenne una parte del balletto.

Una delle ballerine più famose e influenti per uscire dalla Russia è stata Anna Pavlova. Alcuni credono che sia davvero quella che ha creato la scarpa da punta moderna. I suoi piedi alti e arcuati la lasciavano vulnerabile alle ferite, mentre i suoi esili piedi affusolati esercitavano un'intensa pressione sugli alluci. Per compensare, ha inserito le suole in cuoio rinforzato per un sostegno extra. Ha quindi appiattito e indurito l'area delle dita del piede per diventare più di una scatola.

Modern Day Ballet

Nel corso del tempo, la popolarità del balletto si è espansa in tutto il mondo e continua ad evolversi nell'arte che vediamo nei tempi moderni. Ancora oggi, il balletto continua a cambiare dai tempi di Luigi XIV. Dagli anni '90, c'è stato un maggiore interesse per l'atletismo, la velocità e l'iper-flessibilità, ei nuovi balletti spesso guardano all'estetica della resistenza stessa. Tuttavia, le basi e gli elementi classici rimangono gli stessi, rendendo omaggio ai primi giorni del balletto in Italia e Francia.

Guarda il video: Top 10 MIGLIORI BALLI di FORTNITE e da DOVE VENGONO!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading...
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: